28-03-2015

UNO SCRITTORE IN FAMIGLIA

Sabato 28 marzo 2015, ore 21
Auditorium della Fondazione Ferrero, Alba

Marisa Fenoglio
Uno scrittore in famiglia. Lettura in musica per voce narrante e pianoforte

Marisa Fenoglio: testi
Elena Zegna: voce narrante
Riccardo Zegna: pianoforte

«Negli anni Trenta, quando le macchine erano ancora ospiti illustri, e perciò rare, delle vie cittadine, Piazza Rossetti, adagiata lungo il fianco destro della cattedrale di Alba, restava per buona parte del giorno pigra e deserta, in compagnia soltanto dei rumori discreti che le venivano dai negozietti alimentari e artigianali che si affacciavano ai suoi bordi. Uno di questi apparteneva a nostro padre ed era una macelleria…»
Così inizia, sul filo della memoria, il racconto di Marisa Fenoglio, figlia di Amilcare e Margherita Faccenda, sorella di Beppe e Walter Fenoglio. Una storia che si ricollega principalmente al numero civico 1 di Piazza Rossetti ad Alba, e dunque ritorna sui luoghi reali e sentimentali di Casa Fenoglio, che fu, vent’anni fa, il fortunato libro d’esordio dell’autrice. Anche sul palcoscenico, Marisa Fenoglio restituisce non solo uno spaccato autobiografico o la ricostruzione di un ambiente sociale ed economico tramontato con il secolo scorso, ma soprattutto la vicenda umana e culturale di una famiglia piccolo borghese che “scopre” al suo interno una improbabile (secondo schemi eminentemente classisti) realtà: la presenza di uno scrittore, che diventerà uno dei più grandi del Novecento: Beppe Fenoglio (1922-1963).
Attraverso dieci quadri (I Fenoglio / Nostra madre / La via letteraria / La macchina da scrivere / Beppe fratello / Fulvia / Fumo, tosse, malattia / Beppe se ne va / Alchimie familiari / Vivere altrove), la voce di Elena Zegna fa rivivere i sentimenti di una famiglia impreparata, sorpresa da un’inaspettata vocazione letteraria; il rapporto difficile ma intenso con la madre; il passaggio, contrastato, da figlio della piazza di mercato a grande della letteratura italiana; il successo postumo e la capacità di “parlare” sempre a nuovi lettori, soprattutto ai giovani.
Un’intimità famigliare sui generis, raccontata dalla sorella, divenuta anch’essa scrittrice e oggi la sola che ne possa ancora direttamente testimoniare. Alle parole si alternano e si intrecciano celebri motivi musicali, intensamente legati all’atmosfera dell’epoca: Over the rainbow, Voglio vivere così, Come canta il mio cuor, Smoke gets in your eyes, Night and day, liberamente arrangiati da Riccardo Zegna.
La immagini che accompagnano il racconto sono di Aldo Agnelli (© Aldo Agnelli / Archivio Centro studi “B. Fenoglio”, Alba).

Il testo di Uno scrittore in famiglia è tratto da un intervento tenuto da Marisa Fenoglio in occasione del convegno La forza dell’attesa. Beppe Fenoglio 1963-2013, promosso dalla Fondazione Ferrero di Alba nei giorni 15-16 novembre 2013, i cui atti sono in corso di pubblicazione.
Uno scrittore in famiglia è pubblicato nella collana «Altrasocietà» dei «Quaderni di cultura economica, politica e civile» del Centro studi “Piero Calamandrei” di Jesi (www.centropierocalamandrei.it).

Marisa Fenoglio è nata a Alba (CN) e vive a Marburg, in Germania. Scrittrice e drammaturga, si è laureata in Scienze naturali all’Università di Torino e nel 1957, subito dopo il matrimonio, si è trasferita ad Allendorf (oggi Stadtallendorf), piccolo paese della regione Assia in Germania, al seguito del marito. In Germania ha tenuto corsi di italiano nella Volkhochschule di Marburg. Nel 1995 ha esordito nella narrativa con Casa Fenoglio, cronaca famigliare pubblicata da Sellerio. Due anni dopo ha dato alle stampe, sempre per Sellerio, il romanzo autobiografico Vivere altrove, da cui è stato tratto l’omonimo spettacolo teatrale, messo in scena a Berlino nel 2007 e prodotto dalla compagnia Teatro Instabile Berlino. Sono seguiti nel 2002 Mai senza una donna (Sellerio) e nel 2004 Viaggio privato (Araba Fenice). È anche autrice di racconti in lingua tedesca – alcuni dei quali sono stati pubblicati sull’antologia Marburger Almanach (Jonas Verlag, Marburg) – e del dramma radiofonico Helix Pomatia, trasmesso più volte dall’Hessischer Rundfunk (emittente del Land dell’Assia). Del maggio 2012 è la pubblicazione de Il ritorno impossibile presso l’editore Nutrimenti.

Elena Zegna, attrice e docente, si è laureata in Storia del Teatro presso l’Università di Torino. Ha studiato recitazione con Massimo Scaglione, e si è perfezionata come speaker e in lettura poetica presso il Centro di dizione e fonetica di I. Bonazzi, e in doppiaggio presso il C.T.A. di Milano. Ha realizzato spettacoli teatrali e reading musicali presso importanti teatri torinesi (Carignano, Alfieri, Gobetti, Piccolo Regio, ecc.). Già speaker pubblicitaria per la Giorgio Risi e doppiatrice presso la Merak Film di Milano, è presentatrice e voce recitante in occasione di vari eventi. Tiene corsi di recitazione, comunicazione e formazione docenti per la Provincia di Torino, di lettura espressiva e public speaking; insegna presso le Biblioteche Civiche nell’ambito del progetto Nati per leggere. Partecipa, come lettrice, a premiazioni di concorsi letterari e alla presentazione di libri di narrativa, di poesia e teatro. Voce narrante in letture-concerto con pianoforte, arpa e flauto, ha partecipato, con vari programmi di poesia e prosa, a rassegne di musica e letteratura su territorio nazionale, in particolare in Piemonte per il Circolo dei Lettori, il Circolo della Stampa, l’Associazione Mythos, il Circolo Eridano, l’Associazione Orpheus, l’Unione Industriale, il Castello del Roccolo, la Certosa Reale di Collegno, la Sacra di San Michele, Festivalstoria, l’Accademia Filarmonica. Si è esibita a Genova presso Palazzo Rosso, a Viterbo presso l’Università La Tuscia, all’isola d’Elba a Campolofeno, in Trentino, Veneto e Friuli per importanti rassegne musicali, in Abruzzo con Ensemble900, a Monopoli per Apuliantiqua.

Riccardo Zegna appartiene a una famiglia di musicisti. A cinque anni inizia a suonare la batteria, quindi le percussioni con la band del padre. A 13 anni inizia lo studio del pianoforte classico, diplomandosi al Conservatorio di Genova a pieni voti nel 1970. Dal 1972 al 2003 insegna al Liceo Artistico di Savona. Nel 1978 conclude una breve attività come solista di musica classica per dedicarsi totalmente al jazz, con le prime importanti collaborazioni con storici jazzisti come Buddy Tate, Eddie “Lockjaw” Davis e Harry “Sweets” Edison. Inizia diverse collaborazioni con i più importanti musicisti jazz italiani al club storico “Capolinea” di Milano. Ai primi anni Ottanta risalgono gli incontri con famosi musicisti americani tra cui Lee Konitz, George Coleman, Kay Winding. Dal 1983 tiene come docente i corsi di Siena Jazz, partecipa al “Parade Du Jazz” di Nizza, quindi, nella seconda metà del decennio, costituisce una sua band, la “Unit Line Jazz Orchestra”, in cui sperimenta le proprie composizioni. In seguito collabora con Pietro Tonolo e Joe Chambers registrando il cd Alliance. Negli anni successivi intensifica la sperimentazione e la ricerca sulle proprie composizioni, esibendosi sempre più in piano solo, realizzando nel 1996 il disco Andalusa, su etichetta Splasc(h), in cui cerca un punto d’incontro tra il linguaggio e la tematica jazz di tradizione con una parte di letteratura pianistica del primo Novecento. Del 1997 è Green Dolphin Street, registrato dal vivo ai Seminari Senesi; nel contempo partecipa a due progetti di Pietro Tonolo, Simbiosi e Disguise. Nel 1999 e 2001 collabora con Paul Jeffrey alla Duke University e si esibisce al Savoy Club di New York. Partecipa alle edizioni di Umbria Jazz dal 1999 al 2005. Nel 2004 partecipa al Southport Jazz Festival in Gran Bretagna e a Luxembourg con Andy Sheppard. Registra i cd Piccolo Valzer, Carillon e Barcarola (tutti per EGEA) con il pianista e fisarmonicista Gil Goldstein; il suo ultimo lavoro è una rilettura monkiana, Monk-a-ning (Incipit, 2011).

La locandina>>

Auditorium della Fondazione Ferrero, Strada di mezzo 44, Alba.
L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti in sala.
Per informazioni: Tel. 0173 295259 – info@fondazioneferrero.it

 

07-11-2016

EINSTEIN E BALLA. QUANDO LA SCIENZA ISPIRA L'ARTE

EINSTEIN E BALLA. QUANDO LA SCIENZA ISPIRA L'ARTE

VENERDI 11 NOVEMBRE

leggi di piu'

26-10-2016

CONFERENZA MEDICA: LA PREVENZIONE DEI TUMORI E L'USO DI ALCOL E TABACCO

CONFERENZA MEDICA: LA PREVENZIONE DEI TUMORI E L'USO DI ALCOL E TABACCO

GIOVEDI' 3 NOVEMBRE

leggi di piu'

01-06-2016

COME VIVREMO NEL 2050

COME VIVREMO NEL 2050

Venerdì 10 giugno 2016, ore 21 Centro Ricerche Pietro Ferrero (via P. Ferrero 19, Alba-Cn)

leggi di piu'

24-05-2016

CONFERENZA MEDICA : LA SCLEROSI MULTIPLA

CONFERENZA MEDICA : LA SCLEROSI MULTIPLA

Ciclo di Conferenze mediche 2016 Giovedì 26 maggio, ore 21

leggi di piu'

23-05-2016

Giornata per la Ricerca 2016

Giornata per la Ricerca 2016

Alla Fondazione Ferrero di Alba la quinta edizione del Premio “Giovanni Paolo II”

leggi di piu'

tutti gli appuntamenti

2017

gennaio

febbraio

marzo

aprile

maggio

giugno

luglio

agosto

settembre

ottobre

novembre

dicembre