21-10-2021

AL VIA IL FESTIVAL UTO UGHI PER I GIOVANI

AL VIA  IL FESTIVAL UTO UGHI PER I GIOVANI

UN NUOVO PROGETTO CHE VEDE PROTAGONISTA UNO DEI MAGGIORI VIOLINISTI DEL NOSTRO TEMPO, UTO UGHI D'INTESA CON L'ASSOCIAZIONE ARTURO TOSCANINI DEI FRATELLI CHIARLO CON IL SOSTEGNO E LA COLLABORAZIONE DELLA FONDAZIONE FERRERO



Uto Ughi, tra i maggiori violinisti del nostro tempo
, sarà protagonista di un Festival nazionale con partenza ad Alba dal 14 novembre 2021 e tappe previste in tutta Italia negli anni successivi. Dopo il successo de “La Santità Sconosciuta”, il festival che per 14 edizioni ha portato ad esibirsi in Piemonte interpreti di altissimo livello artistico facendo incontrare, in varie forme, musica e spiritualità, si trasforma ma mantenendo la sua identità, in un progetto dedicato ai giovani.

In un momento in cui le nuove generazioni hanno subito un grave impoverimento formativo e culturale a causa della pandemia, il Maestro Uto Ughi, d’intesa con l’Associazione culturale Arturo Toscanini e con la collaborazione e il sostegno della Fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero, ha elaborato un programma ricco di interpreti affermati, talenti virtuosi e momenti musicali eccellenti per far vivere al pubblico l’emozione della grande musica.

Il Festival, ideato dal M° Uto Ughi, dall’Associazione culturale Arturo Toscanini di Savigliano e sostenuto, per le tappe piemontesi, dalla Fondazione Piera, Pietro e Giovanni Ferrero si presenta con particolarità culturali ed artistiche uniche e originali. Soprattutto per la volontà di diffondere il piacere della musica classica tra le fasce più giovani della popolazione.

La mission di questo Festival rispecchia in pieno quelli che sono i valori della Fondazione Ferrero: sostegno alla cultura musicale e alle nuove generazioni, occupazione per i giovani, diffusione della musica classica.

Con questa finalità, sono in programma incontri con i giovani di tutte le scuole di ogni ordine e grado per trasmettere alle nuove generazioni l’amore, la sensibilità verso la musica e in generale verso la cultura, mediante conversazioni aperte tra i ragazzi, il Maestro Ughi e gli interpreti coinvolti.

Questo tipo di divulgazione ha il merito di catturare l’attenzione dei ragazzi, trasmettendo loro messaggi positivi da applicare alla quotidianità. Attraverso una programmazione di concerti, la musica sarà spiegata in modo semplice e diretto, sollecitando un’attiva partecipazione da parte del pubblico.

Sottolinea il Maestro Uto Ughi: “Il mio sostegno al Festival La Santità Sconosciuta sin dalle prime edizioni è stato motivato, come ho avuto più volte occasioni di dire, dall’ammirazione per la passione che due allora giovani musicisti, i fratelli Chiarlo, mettevano nel progetto. Ho sempre voluto che in ogni edizione fosse inserita almeno una masterclass per giovani talenti. Credo fermamente che il dovere di un Maestro sia trasmettere il proprio sapere e oggi più che mai dobbiamo sostenere i giovani che hanno talento e voglia di apprendere. Sono stato molto colpito da quello che è accaduto, per questo più forte deve essere il nostro impegno... perché l’arte è un bene prezioso e spirituale a cui tutti devono poter accedere. Mi ha sempre toccato profondamente il meraviglioso lavoro compiuto da Abreu in Venezuela per il riscatto sociale dei giovani e il metodo Suzuki in Giappone”.

Inoltre, è sempre Ughi a sostenere che i musicisti di riconosciuta fama devono compiere lo sforzo di uscire dalla loro torre d’avorio, adoperandosi concretamente per la sostenibilità e la rinascita cultural-musicale del nostro Paese.

La tappa 2021 del Festival parte dal Piemonte, precisamente dalla città di Alba, in Provincia di Cuneo, per poi raggiungere la città di Cherasco. Concerto inaugurale, con protagonista il M° Uto Ughi, si svolge al Testro Sociale G.Busca di Alba il 14 novembre 2021, con altri concerti in programma fino all'11 gennaio 2022. Si alterneranno in vari luoghi della città di Alba e di Cherasco dibattiti con personaggi molto conosciuti del panorama culturale italiano, concerti, incontri con giovani, prove aperte, dibattiti.

Tra i nomi coinvolti, oltre a quello di Uto Ughi, la pianista Elena Matteucci, Paola Gassman e Ugo Pagliai, il pianista Stefano Nanni e Danilo Rossi Prima Viola dell’Orchestra della Scala di Milano, il pianista Giuseppe Carpano e il trombonista Francesco Verzillo, il giovane violinista Indro Borreani, il pianista Andrea Tamburelli per il Progetto a sostegno dei giovani talenti italiani, la Uto Ughi and Friends - Orchestra, gli strumentisti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, il quartetto di ottoni Canaveis an Brass, I Solisti della Scala di Milano.

Con il sostegno di:

Per i concerti di Alba:
FONDAZIONE FERRERO, CITTA’ DI ALBA, FONDAZIONE CRC, FONDAZIONE CRT, BANCA D’ALBA, EGEA, FIRAD, EUROTEC

Per i concerti di Cherasco:
CITTA’ DI CHERASCO, FONDAZIONE CRC, FONDAZIONE CRT, BANCA DI CHERASCO.

14 NOVEMBRE 2021
ore 21.00 Teatro Sociale “G. Busca” di Alba

CONCERTO INAUGURALE “UTO UGHI RACCONTA LE QUATTRO STAGIONI DI ANTONIO VIVALDI”
Uto Ughi and Friends - Orchestra
Concerto per Violino e Orchestra
Lettura dei sonetti ed interpretazione del capolavoro vivaldiano ad opera del M° Uto Ughi

Il M° Uto Ughi eseguirà “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, sicuramente la più nota delle composizioni del Prete Rosso. In realtà si tratta di 4 concerti distinti, ispirati da altrettanti sonetti del compositore veneziano che li ha dedicati ciascuno ad una stagione. Il Maestro Ughi leggerà e commenterà i sonetti vivaldiani che precedono l’esecuzione di ogni concerto, per restituire al testo tutta la sua poeticità, facendo apprezzare la musicalità dei versi e quella delle note del suo violino. Si potrà seguire il testo sul programma di sala per una maggiore e affascinante comprensione del testo, come una lezione-concerto.

Questa famosissima composizione barocca non è soltanto vertice assoluto della creatività italiana di ogni tempo: rappresenta simbolicamente l’esaltazione della vita. Di ogni suo momento Vivaldi mostra la bellezza, inserendola nell’armonia del ciclo del tempo. Quest’opera ha portato la genialità italiana nella musica rendendola famosa in tutto il mondo.

Le serate si svolgeranno nel rispetto delle norme sanitarie di contrasto alla diffusione del SARS-CoV-2. Possibili cambiamenti di date e location, in base all’evoluzione dell’emergenza sanitaria in atto, saranno tempestivamente comunicati. I posti sono limitati dalla normativa sanitaria sugli eventi nei luoghi chiusi. All’ingresso sarà obbligatorio esibire il Green Pass

ULTERIORI INFORMAZIONI: 
PRENOTAZIONE BIGLIETTI: ASSOCIAZIONE TOSCANINI 347 8072022 www.associazionetoscanini.it

Alla Fondazione Ferrero -
→ Alba: 0173 295259

Al Teatro Sociale G. Busca e Chiesa di San Domenico
→ Alba: Egea - Corso Nino Bixio,

Alba Al Santuario Nostra Signora del Popolo
→ Cherasco: Tabaccheria Dogliani Ezio 0172 487742

I posti sono limitati dalla normativa sanitaria sugli eventi nei luoghi chiusi. All’ingresso sarà obbligatorio esibire il Green Pass

→ Scarica il programma completo qui

30-09-2021

I primi 1.000 giorni di vita per un futuro in salute

I primi 1.000 giorni di vita per un futuro in salute

Conferenza che il professor Sergio Pecorelli terrà alla Fondazione Ferrero presentato daL dottor Ettore Bologna

Leggi di più
01-07-2021

Fragilità e COVID-19

Fragilità e COVID-19

Pubblicata la ricerca scientifica dell'Università di Brescia in collaborazione con la Fondazione Ferrero

Leggi di più
09-06-2021

La Fondazione Ferrero e la Fondazione Burri presentano in anteprima la mostra

La Fondazione Ferrero e la Fondazione Burri presentano in anteprima la mostra

9 ottobre 2021 - 30 gennaio 2022.

Leggi di più

NEWS ARCHIVE

NEWS ARCHIVE